Vivere 5 giorni da manager. Il reality della cultura aziendale

Metti insieme 19 universitari e 14 aziende. Mescola il tutto in 95 giornate a stretto contatto tra ragazzi e manager e avrai oltre 800 ore di affiancamento. Questa la ricetta di “Vivi 5 giorni da manager”, il progetto di conciliazione tra mondo del lavoro e università, i cui risultati sono stati presentati ieri all’Istao di Ancona. I dati raccolti tratteggiano la cronistoria di un vero e proprio reality del lavoro in cui a contare in primis sono le voci dei protagonisti, riportate nella pagina Facebook del progetto.

10629307_1469710246625806_3215408895013902540_oL’iniziativa, promossa da Manageritalia e Federmanager, ha puntato tutto sulla pratica offrendo ai giovani la possibilità di lavorare sul campo. Un vero viaggio per gli 11 ragazzi e le 8 ragazze, selezionati tra 210 laureandi magistrali di Ingegneria ed economia dell’Università Politecnica delle Marche, che sono passati dai banchi di scuola all’azienda.

Gli studenti, dopo una giornata di formazione presso Istao, hanno infatti iniziato nel marzo scorso ad accompagnare per 5 giorni il proprio manager, scelto tra i dirigenti di aziende quali: Aon S.P.A., Api Raffineria Ancona Spa, Bonatti Spa  il Consorzio Del Mobile S.P.A. (Cosmob S.P.). Un rapporto mentore/discepolo che a detta dei protagonisti dell’esperimento ha giovato ad entrambe le parti.

Renzo Libenzi, direttore generale Loccioni, ha dichiarato: “Noi di giovani ne vediamo e ne assumiamo tanti, ma l’esperienza di averne uno, con il quale non c’è nessun rapporto, che mi segue per 5 giorni è stata del tutto nuova. Senti l’impegno di dargli tutte le occasioni e gli strumenti per capire cos’è e com’è il mondo del lavoro”.

Tre le parole chiave del percorso formativo: il timing, anticipare il contatto fra domanda e offerta di lavoro, l’esperienza, verificare le attitudini dello studente portandolo sui luoghi di lavoro, e perseguire la “terza missione” dell’Università, cioè ricerca, didattica e rapporto con le imprese e il territorio.

Diversamente da quanto accade in generale in Italia, nella nostra regione – afferma Giuliano Calza, Direttore Generale Istao e presidente Aidp Gruppo Marche – si verifica una diminuzione della propensione delle imprese ad inserire figure specialistiche e tecniche. Si sta assistendo ad una riduzione della richiesta di scolarità intesa come assunzione di laureati e diplomati. Mi preme però sottolineare che già dal 2014 un laureato su 3 è di difficile reperimento (34,4%) e che una volta entrati in azienda 8 laureati su 10 (80,7%) avranno bisogno di ulteriore formazione con corsi interni o esterni alle imprese. Infatti, le imprese sentono, e sentiranno sempre più, la necessità di inserire figure preparate nel proprio organico e questo è l’impegno di Istao la cui missione è, da sempre, quella di formare persone autonome, capaci di pensare liberamente e diventare i leader di domani”.

Il progetto “Vivi 5 giorni da manager” mira così ad aumentare il numero di manager nel Paese, ringiovanendone le file. Oggi i dirigenti under35 sono solo il 2,5% in Italia e quelli under40 appena 11,2%.

Dati che fanno pensare sempre e solo la stessa cosa: “Fate spazio ai  giovani”.

D.F.C

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...